venerdì 22 giugno 2012

Siamo in ballo... balliamo?

A volte, tra amiche, ci ritroviamo a fare una classifica delle cose più stressanti della maternità. Per quanto mi riguarda, io non ho dubbi. In cima alla mia lista c'è lui, il gioca jouer.
Perchè le nottate passano, i bambini crescono e la fatica viene sempre in qualche modo ricompensata. Il gioca jouer, invece, ritorna. Attraversa i popoli e le generazioni per venire a cercarti, proprio quando eri oramai certo d'averlo seppellito insieme al topexan e all'apparecchio ai denti.


Appena diventi genitore eccolo di nuovo lì, in tutte le compilation per bambini, ad ogni festa, alle giostre, all’asilo, nel villaggio vacanze.
E poi a casa dei cugini, degli amici, dei nonni.
E tu, accompagnatore ufficiale nei pomeriggi mondani del pargolo, non hai scelta: bisogna partecipare al ballo, se non con tutto il corpo, almeno sollevando un pochino le braccia. Perché tuo figlio è lì che guarda e si aspetta un genitore performante, socievole, dinamico. Non puoi certo deluderlo davanti ai suoi primi amici.
E così ti tocca starnutire, salutare, sciare. E poi saluti, saluti, saluti.
Negli anni Ottanta l’avrò fatto decine di volte, ma continuo a sbagliare.
Eppure lo so che si parte sempre da dormire.

66 commenti:

  1. io me lo sono risparmiato, da mamma.
    Fortunatamente :)

    il mio incubo ricorrente è "il coccodrillo come fa"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello del verso del coccodrillo sì che è un mistero!

      Elimina
  2. ... Ma dai, io pensavo fosse morto e sepolto!

    RispondiElimina
  3. A me capita di farlo con i miei nipoti, dai è simpatico!
    Un bacio.
    Miky

    RispondiElimina
  4. sarà che ancora lo condivido con amici e parenti e che la pupa è ancora troppo piccola per avere una vita mondana da farmi sciroppare a tutti i costi... però io mi diverto... ma conosco bene la vastità del mio lato idiota!

    :***
    roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È che coi figli bisogna avere il ritmo nel sangue... e io c'ho più che altro il colesterolo, nelle vene :(

      Elimina
    2. ahahahahah questa è bellissima!
      :)

      Elimina
  5. dormire
    nannannannnannnannnannanna
    cantare
    nannannannnannannannnanna
    sciare
    nannannannnannannnannannanna
    ma va a ca....re
    nanannnannannannanannna
    all together! Dai Dammi la Manina, su
    nanannnannanannannannanan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muhahahahhah, fantastica questa versione, persino cecchetto ne sarebbe orgoglioso ;)

      Elimina
  6. Ma non si parte sempre da dormire! O sì?

    RispondiElimina
  7. Ahahah, avevo tipo quattro anni ma me lo ricordo! :)

    RispondiElimina
  8. che nervi, io mi sono sempre rifiutato!!!

    RispondiElimina
  9. supermuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuum!baci

    RispondiElimina
  10. Almeno io me lo sono risparmiato con i figli. Da noi non si sente più e nel frattempo sono cresciuti, perciò niente festine da bambini con gioca jouer! Fiu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece tempo d'aver appena cominciato, e chissà quanto mi ci vorrà per venirne fuori..

      Elimina
  11. Confesso : io sono la numero uno nei balli di gruppi!
    Vado apposta nei villaggi vacanze per farli la sera:)
    Mio marito l'apposto.. Anzi in quei momenti
    Scompare nel nulla..
    Da giovani ci siamo sempre chiesti da chi avrebbe presi ns. figlia..
    Bhe ti dico che Sofia mi ha rubato il posto sul palco ;)
    Se vieni in vacanza con noi il gioca jouer lo impari anche senza musica ...
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se venissi con voi temo che non vi accorgereste di me. Tendo anch'io a scomparire nel nulla ;)

      Elimina
    2. allora ti presto mio marito.
      ;D

      Elimina
    3. ;D
      In compenso mia figlia si divertirebbe un mondo coi voi due sul palco :)

      Elimina
  12. Ahahaha lo odioooooo!
    Supermaaaaan!

    Ma s'ciopa!

    RispondiElimina
  13. NO a me non mi è mai capitato, strano davvero!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh non demordere, in questi casi, mai dire mai.

      Elimina
  14. Dannato Cecchetto! Il culmine dello sdegno per me è: "Capelli". Ma che vuol dire???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e poi, a dirla tutta, è pure discriminatorio verso i calvi

      Elimina
  15. Ancora? Davvero? Non ce la faccio! Non ci credo! ;)

    RispondiElimina
  16. Scampato pericolo! in compenso noi ballavamo e cantavamo "ci son 2 coccodrilli e un orangotango, 2 piccoli serpenti e........"
    da spararsi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. idem... maledetti leocorni!!!

      Elimina
    2. a cecchetto passi dopo aver cantato tutta l'arca di noè, con l'assurda speranza che si estinguessero anche tutti gli altri animali, oltre ai leocorni...

      Elimina
    3. @ carlafamily @fermitilrospo, @WonderDida: pare che cecchetto si sia imbarcato sull'arca all'ultimo minuto, soffiando il posto proprio ai liocorni

      Elimina
  17. Se non ho capito male ti fermi, appunto, subito...sul dormire. E poi segui con "russare"?! E non ricordi più nulla? :) Sei un fenomeno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un fenomeno più che altro da baraccone ;)

      Elimina
  18. ehehehehehe che ricordi! Buon fine settimana

    RispondiElimina
  19. Leggendo il tuo post, mi ci trovo perfettamente! buona domenica...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto nel club allora! E buona serata anche a te ;)

      Elimina
  20. Idem! E l'ho beccato pure in tedesco alla minidisco durante l'ultima vacanza!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare l'abbiano tradotto in non so quante lingue. È un incubo internazionale

      Elimina
  21. Noooo io li odio i balletti di gruppo ...ricordo con sommo orrore un campeggio con la mia nipote che mi obbligo' alla baby dance...gruppetti di manette come la mia nipote cantavano e mimavano una canzone che faceva così :"ascella ascella mi lavo l'ascella mi faccio la doccia e mi levo la iella ..." l'immagine di me che zampetto mimando il gesti di lavarmi l'ascella mi perseguita ancora oggi nei miei incubi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, questa dell'ascella ancora non mi è capitato di sentirla. Ma dal testo ci giurerei che c'entra cecchetto

      Elimina
  22. anche io non lo sopporto!! :))

    RispondiElimina
  23. per fortuna al momento i miei figli sono piuttosto refrattari a questo tipo di attività... si salvi chi può!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, speriamo di venirne fuori presto anch'io..

      Elimina
  24. non sono un genitore, ma che razza di mondo sarebbe senza gioca jouer?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che potrebbe essere un mondo peggiore?

      Elimina
  25. noooo noooo anche ai bambiniiiiii???? aiutooo come farò, devo prepararmi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortuna che le istruzioni si trovano anche su internet ;)

      Elimina
  26. Aiuto!! Ah ah ah! Mi hai messo la strizza addosso, io non l'ho mai ballato il gioca jouer, ma neanche lo voglio imparare! Quando avrò un figlio temo che crescerà asociale... ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un rischio che vale la pena di correre ;D

      Elimina
  27. ehm ehm....solo io adoro tutti i tipi di balli, trenini, danze, filastrocche per bimbi???

    ehm ehm...ti prego sono appena arrivata non mi cacciare subitoooo mi piace qui!!!
    :-D

    ciao!

    RispondiElimina
  28. Ma figurati, sei libera di dire quello che vuoi ;)
    Grazie per essere passata!

    RispondiElimina
  29. Pazzesco...il gioca Jouer, anche noi ne siamo ormai schiavizzati. Ma te pensa come ero ridotta io a pochi mesi dalla nascita della pupa, ancora tutta piena di ammmore, con occhi a cuoricini ogni volta che incrociavo la creatura, tante che a 'macho' io capivo 'bacio'...e poi in effetti mi chiedevo perchè ci fosse prima bacio e poi baciare...che testa!!!
    e allora più veloce, ma ricordate si comincia sempre con dormire...

    RispondiElimina
  30. Ahahahahah, direi che pure il tentativo di cercare un senso nel testo di questa canzone era frutto della stanchezza post-parto ;)

    RispondiElimina