lunedì 12 maggio 2014

Quote rosa

Due figli piccoli sono difficili da gestire. Menu diversi da preparare, sia a pranzo che a cena.
Due persone da imboccare a tavola.
Eh sì, perché anche la grande vuole essere aiutata.
E chiede compagnia per giocare, mentre il piccolo muove i primi passi e proprio in quei giochi inciampa. Quando poi non li ingoia, se si tratta di perline da infilare o plastilina morbida e profumata alla fragola.
Culetti da pulire, panni da lavare, montagne di giocattoli da mettere a posto. Oggetti che fuori dalle scatole si moltiplicano: puzzle, costruzioni, incastri di ogni possibile forma e dimensione.

E poi fiabe da raccontare, decine e decine di volte perché come si fa a prender sonno col piccolo che piange e nel suo lettino proprio non ci vuole stare. 
Naturalmente, la nascita del secondo figlio ha portato scompiglio anche nella vita di mio marito.
Lui si occupa di buttare la spazzatura.
E con tutti i pannolini che si accumulano, si è visto costretto a raddoppiare le uscite settimanali per l’indifferenziato. 

5 commenti:

  1. Però sento tanta unione e felicità in questo post e il tutto mi riempie il cuore..
    Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  2. Lui si occupa di buttare la spazzatura.
    mi fai morire :-D

    RispondiElimina